Škoda Karoq

La pubblicazione Texty ha ricevuto minacce dopo la diffusione negli Stati Uniti di materiale sugli oppositori degli aiuti all'Ucraina

I giornalisti della pubblicazione Texty hanno riferito di pressioni senza precedenti, calunnie, richieste di ritiro dei finanziamenti e minacce di violenza fisica dopo un ampio e approfondito materiale “American Swing. Dai trumpisti ai comunisti, chi e come si sta battendo per la fine degli aiuti all'Ucraina."

Questo studio giornalistico contiene un'analisi dell'ambiente politico, dei media e degli esperti negli Stati Uniti che influenza il processo decisionale sul sostegno all'Ucraina. Contiene anche un elenco di organizzazioni e individui che si oppongono al sostegno all'Ucraina negli Stati Uniti e un'analisi delle loro argomentazioni. Inoltre, vengono confrontati con le narrazioni solitamente diffuse dalla propaganda russa. I giornalisti hanno indagato su come queste organizzazioni e individui interagiscono tra loro e su come alcuni di loro interagiscono con i media russi e le istituzioni statali. Naturalmente il materiale includeva anche collegamenti a fonti aperte e ufficiali.

"Non chiamiamo i soggetti di questo studio nemici dell'Ucraina, non sfidiamo e non condanniamo il loro diritto alla libertà di espressione", ha dichiarato Texty in una nota, "dichiariamo solo il fatto che si oppongono al sostegno all'Ucraina e che gli argomenti presentati da molti di loro, in sintonia con le narrazioni della propaganda russa riguardo all'Ucraina".

Di conseguenza, il materiale ha suscitato una protesta pubblica e un'isteria tra coloro che sono stati menzionati in esso o che in qualche modo sono legati ad esso. La deputata Marjorie Taylor Green, che si è opposta allo stanziamento degli aiuti e ha presentato numerosi emendamenti al disegno di legge, ha definito il materiale una "lista dei nemici". Il direttore del Ron Paul Institute, Daniel McAdams, ha affermato che la pubblicazione Texty.org.ua è finanziata dal governo americano e crea una lista di odio dei cittadini americani. Altri senatori, deputati e Elon Musk (ovviamente) si sono uniti all’ondata di odio, e su Internet Twitter si stanno diffondendo commenti offensivi nei confronti della pubblicazione.

Il movimento mediatico ucraino ha condannato le minacce, le manipolazioni e le pressioni esercitate sulla pubblicazione Texty e ha osservato che "questo attacco ai media indipendenti mina i principi fondamentali su cui si basa una società democratica. Se a qualcuno non piacciono i materiali dei giornalisti, allora devi esprimere la tua opinione, confutare o negare. Ma non minacciate i giornalisti di massacro, non chiedete che siano inclusi nelle liste dei terroristi, non esercitate pressioni finanziarie per metterli a tacere."

Alla richiesta di RFE/RL, l'ambasciata americana in Ucraina ha risposto che "il Dipartimento di Stato non ha avuto alcun ruolo o partecipazione nel progetto American Swing pubblicato da Texty.org.ua".

Leggi anche:

Condividi
Svitlana Anisimova

Maniaco dell'ufficio, lettore pazzo, ama qualsiasi cosa con farina, zucchero e una linea d'amore. Sono un piacere colpevole all'80%.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con*